Quando gli eroi di Ostaria si unirono per uccidere il Flagello dell’Inverno e scacciare i suoi Arconti, sembrava che la pace potesse finalmente tornare in questa terra devastata dalla guerra. La riapertura della rotta commerciale della Strada d’Oro da parte della dinastia Qian attirò incuriositi signori della guerra da lontano e offrì un gradito sollievo dalle aspre battaglie combattute per il Nord. Ma il prezzo della vittoria era stato alto, e mentre gli eroi riposavano nelle serene terre dorate di Longting, spie e informatori sussurravano che un’altra guerra era inevitabile.

Il male non può essere abbattuto solo con la spada e lo scudo. Anche sulla scia di una vittoria conquistata a fatica, le ombre possono ancora crescere e un grande male può inasprirsi in quell’oscurità. Si diceva che un uomo potente e terribile stesse accumulando potere nel vuoto senza leader lasciato dalla guerra per il Nord. Si dice che sia il figlio di un ricco politico di alto rango, l’uomo è nato fuori dal matrimonio da una concubina ed è stato evitato dalla società. Il mondo non gli mostrò pietà, la spietatezza del mondo generò la sua spietatezza, e fece sua la missione di governare la terra che lo aveva rifiutato prendendola villaggio per villaggio, feudo dopo feudo finché il trono della Conqueror’s City non fosse stato suo. 

Quest’uomo, già noto come un tiranno, ottenne il favore di forze malvagie, radunò un esercito e attese il suo momento. Mentre il fascino della seta e delle spezie nell’est ha irretito le valorose lame e i loro possessori, nessuna sentinella è sopravvissuta per dare l’allarme per la tempesta che si stava radunando nelle “Terre di Confine”. Mentre i tuoni della tirannia ruggivano nei cieli e la pioggia di sangue percorreva le aride dune, il male creò la sua nuova tana. Il tiranno fece in breve tempo le scarse difese della landa desolata e diede al popolo sopravvissuto una scelta: inginocchiarsi o perire. Coloro che potevano lavorare furono ridotti in schiavitù. Coloro che potevano impugnare una spada potevano combattere per lui. Chi avesse resistito avrebbe sentito la sua lama.

Il mondo esterno è stato raggiunto dalla voce dei crimini del tiranno e della sua illegittima signoria sulle Terre di Confine. Tuttavia, questa volta, non sarebbe stato così semplice da abbattere il male sul campo di battaglia. La tirannia deve essere affrontata, ma le fiamme dell’insurrezione devono infuriare dall’interno…

L’era degli eroi è finita: è il momento dei ribelli. La storia continua nella campagna stagionale per Stagione IX: Tyranny, in arrivo su Conqueror’s Blade come aggiornamento gratuito il 28 settembre!